Category Archives: Ricette

In questa categoria gli Eatter particolarmente creativi e non possono inserire le loro ricette, postando anche foto del “risultato finale”,

Insalata fredda di farro “tricolore”

 

Quella che vi proponiamo oggi è una ricetta “classica” del periodo estivo, quando la calura ci attanaglia. Non è una grossa novità, direte voi, l’insalata di farro. Vero. Però, noi la suggeriamo particolarmente light, senza rinunciare al sapore unico che gli ingredienti a “km 0″ accarezzati dal bollente sole estivo sanno regalare. Ecco cosa serve.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 250 grammi di farro perlato;
  • 3 pomodori San Marzano (quelli a forma di pera);
  • 70 grammi di formaggio a fette senza lattosio;
  • Qualche foglia di basiico e di menta freschi;
  • Olio extra vergine di oliva q.b.;
  • Sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE

Innanzitutto spieghiamo alcune scelte un po’ particolari. Usiamo il formaggio a fette perchè, rispetto alla mozzarella, rimane più asciutto e, per noi, è più gradevole. L’orientamento verso un prodotto senza lattosio è per dimostrare che la rimozione di questo componente non altera affatto il sapore del prodotto (vi sfidiamo a riconoscere se c’è il lattosio se nessuno ve lo dice). Scegliamo i pomodori San Marzano perchè preferiamo i filetti di pomodoro tagliati a cubetti al classico pomodorino (sono gusti, ci direte come la pensate). Olio “quanto basta”? Certo, a ni piace bella morbida, ma ognuno ha le sue preferenze, Basta che scegliate un buon prodotto italiano.

PARTIAMO

Sciacquate sotto abbondante acqua corrente il farro, per rimuovere eventuali residui di polvere o gusci. Ricordiamo che, se si sceglie il perlato, non è necessario l’ammollo preventico (gran comodità per le signore che hanno sempre poco tempo…)

Mettete a bollire in abbondante acqua salata il farro, coprite con un coperchio e contate 35 minuti dal momento in cui lo mettete in acqua fredda (saranno circa 30 dal bollore). Assaggiate sempre, mi raccomando, perchè la consistenza giusta di dipende dal gusto di ciascuno; scolate il farro e, cosa molto importante, bloccate subito la cottura raffreddandolo con un getto di acqua fredda per circa cinque minuti.

Ora siete pronti per preparare gli ingredienti del cndimento, cosa che farete mentre il farro, ormai raffreddato, è in un colapasta per perdere l’acqua con cui l’avete raffreddato.

  • Tagliate in due parti, lungo la dimensione maggiore, i pomodori e togliete la parte interna. Otterrete due metà scavate all’interno (i semi possono dare problemi a chi soffre di colite, ma noi vogliamo rendere la ricetta adatta a tutti). Sono i filetti. Tagliateli longitudinalmente in strisce larghe circa mezzo centimetro e poi procedete a cubettarli.
  • Tagliate il formggio a quadretti.
  • Strappate (non tagliate, attenzione…) 4 o 5 foglie di menta e altrettante di basilico. Strappare le foglie a mano, anzichè tagluarle, permette di mantenere tutto il sapore, che esploderà nel vostro piatto;
  • Unite gli ingredienti così preparati al farro. Cospargete d’olio extra vergine di oliva (dovete essere MOLTO GENEROSI). Mescolate e aggiustate di sale e pepe.
  • Riponete l’insalata in frigorifero per circa mezz’ora prima di servirla.

Potete aggiungere tonno, capperi e altri ingredienti. Sarà sicuramente buona. La semplicità della nostra ricetta, però, vi permetterà di sentire completamente i pochi sapori che si uniscono in una nota di piacere (basilico, pomodoro, olio, sale).

BUON APPETITO!

Stringhe di pollo al curry e zafferano

La ricetta che vi proponiamo oggi è davvero molto semplice e sfiziosa, rapidissima da preparare (anche per mani non molto esperte) ma molto, molto gustosa. Ecco cosa vi serve per 4 persone.

INGREDIENTI

  • 2 filetti di petto di pollo piuttosto grandi;
  • Due cucchiai di curry;
  • Due cucchiai di olio di soia;
  • Mezzo bicchiere di latte parzialmente scremato;
  • Due cucchiai di farina;
  • Zafferano (la punta di un cucchiaino);
  • Cipolla e carota;
  • Mezzo dado vegetale;
  • Sale q.b.

PREPARAZIONE

Innanzitutto, sgrassate e pulite bene le fette di petto di pollo; tagliatele a strisce della larghezza di circa mezzo cm (avendo cura di tenere un po’ più larghe quelle che ricaverete verso la fine del filetto, dove è più stretto; in questo modo la cottura risulterà uniforme). Ecco pronte le stringhe di pollo. 1

Prendete una padella anti aderente e aggiungete l’olio di soia; unite la cipolla e la carota tagliate piuttosto grossolanamente. Fate soffriggere aggiustando con il dado vegetale.

4

Nel frattempo mettete i due cucchiai di curry e il POCO zafferano all’interno di una pirofila di vetro abbastanza capiente da contenere tutte le stringhe di pollo, che passerete molto bene in questa polvere magica. Lo zafferano ha solo lo scopo di accendere il colore del vostro piatto e di smorzare appena il sapore molto deciso del curry.

3

Fatto questo, avrete sul fuoco il soffritto pronto. Aggiungete le stringhe e lasciate rosolare, a fuoco vivace, meno di due minuti, finchè non diventano di un bel colore dorato.

5

Appena si raggiunge la doratura della carne, aggiungete il mezzo bicchiere di latte e…. fuoco! Alzate la fiamma lasciando sobbollire il latte per 30 secondi. Aggiungete la farina per consentire la formazione di una crema vellutata, che accompagnerà il vostro piatto. Lasciate cuocere a fuoco ancora piuttosto vivace per un paio di minuti, mescolando continuamente per favorire la formazione della cremina di un bel colore giallo intenso.

7

Aggiustate di sale e servite in un piatto piano. Potete usarlo bianco, come abbiamo fatto noi, oppure di un colore scuro, ad esempio nero, per creare un forte contrasto cromatico. Potete servire ben caldo cone secondo piatto ma anche freddo come simpatico aperitivo, che piacerà a tutti, grandi e piccini…

Buon appetito dal vostro…..

  Firma Eatter One8

Risotto con la zucca

Ora che si sta avvicinando la notte di Halloween, attesa da grandi e piccini pronti per indossare il loro costume da fantasma, e l’autunno regala le prime nebbie, vi proponiamo una ricetta semplice, leggera ma molto gustosa: il risotto con la zucca. zucca interaChe sia del classico colore arancione o di un bel verde scuro, la zucca è adatta per preparare anche altri piatti squisiti, dolci e salati. Cominciamo proprio dal risotto.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr di riso Carnaroli;
  • 400 gr di zucca cruda tagliata a fette;
  • 1 l d’acqua
  • 1/2 cipolla;
  • 2 cucchiai di latte parzialmente scremato
  • Olio extra vergine di oliva;
  • sale e pepe quanto basta

PREPARAZIONE

Come avrete notato non c’è il brodo fra gli ingredienti di questa ricetta. Vi chiederete perchè. Bene, la risposta è semplice. La regina della nostra ricetta, sua Maestà la Zucca, che è quasi un peccato tagliare da tanto è bella, deve essere sbucciata e tagliata a dadini.

zucca tagliata a tocchettoni

zucca tagliata a tocchettoni

Immergete la zucca nell’acqua che avete preparato in una pentola abbastanza capiente. Portate  l’acqua ad ebollizione  e salatela (se la salerete quando è fredda rallenterete il processo di ebollizione), Fate tostare il riso carnaroli un paio di minuti nell’olio e cipolla (attenzione a non far bruciare le fettine sottili di cipolla… Se non state attenti è un attimo)! La tostatura serve a “sigillare” il chicco del riso e a consentirgli di rimanere corposo, mantenendo la cottura. Di questo, se vi ricordate, abbiamo già parlato nella nostra ricetta del risotto allo zafferano. Schiacciate con una forchetta la zucca ammorbidita nell’acqua bollente (che sarà diventata un brodo) e soffriggetela velocemente con il riso. A questo punto iniziate ad incorporare il brodo, senza mai metterne troppo, per consentire al riso di assorbirlo gradualmente. Dovete aggiungere altro brodo solo quando il riso è ben compatto e ha assorbito tutto il precedente. Una buona misura dell’assorbimento del brodo è la resistenza che incontrate mentre mescolate il riso con un cucchiaio di legno. Quando fate un po’ di fatica, è ora di aggiungere altro brodo.

Risotto in cottura

Risotto in cottura

Continuate la cottura per 18-20 minuti, mescolando continuamente e aggiungendo brodo poco alla volta. Quando il chicco è morbido fuori e compatto all’interno il vostro risotto è cotto alla perfezione. Spegnete il fuoco e mantecate con una bella spolverata di grana padano, aggiungendo una goccia di latte parzialmente scremato. Fidatevi di noi e non usate il burro. Otterrete un risotto mantecato a meraviglia e leggero, con pochi grassi e poche calorie. Fidatevi, non ve ne pentirete! Spolverate con un filo di pepe macinato abbastanza grosso e aggiustate di sale. Servite in un piatto fondo. Ecco il risultato finale: un risotto di un bel colore giallo intenso, ottimo per le fredde giornate autunnali, magari a cena, aspettando Halloween. Sua maestà la Zucca non vi tradirà. Se amate il sapore dolce, provate a sbriciolare un ameretto su ciascun piatto do risotto… Darete un tocco particolare alla vostra ricetta e lascerete a bocca aperta i vostri ospiti.

Risotto con la zucca

Risotto con la zucca

Ciambellone alla farina di riso/Rice flour “ciambellone”

Cari Amici Eatter…oggi vi proponiamo una ricetta, semplice e veloce, che ci è stata spedita dalla nostra amica Elena Allevi, assidua (per fortuna) lettrice del notro blog e vulcanica “pasticcera casalinga”. Come vedrete, la nuova torta di Elena non contiene lievito ed è fatta solo con farina di riso, il che la rende adatta anche a coloro i quali soffrono di intolleranze alimentari (es. celiachia, cioè intolleranza al glutine).

Ciambella alla farina di riso/ Rice flour "ciambella"

Ciambella alla farina di riso/ Rice flour “ciambella”

185g di burro;

185g di zucchero a velo;

 125g farina di riso;

 125g amido di riso;

 60g fecola di patate;

 4 uova;

 il succo di mezzo limone;

 1 cucchiaino di liquore a piacere (io uso il cognac);

 1 cucchiaino di di bicarbonato

 un cucchiaio di vaniglia

Preparazione:

Unite lo zucchero a velo alle uova, aggiungendo il limone, il liquore e il cucchiaino di vaniglia; mescolate con un cucchiaio o una spatola per pasticceria fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Incorporate, pian piano, la farina di riso, l’amido di riso, la fecola di patate e il bicarbonato (che aiuterà la lievitazione. Avrete notato che la ricetta non prevede l’uso del lievito, il che ne aumenta la digeribilità). Aggiungete il burro lasciato ammorbidire a temperatura ambiente e impastate a lungo, utilizzando un’impastatrice (o anche a mano, se avete la pazienza di farlo) fino ad ottenere un composto ben amalgamato. Imburrate una classica teglia  per ciambelle e versate l’impasto livellandolo per bene. Mettete in forno già caldo, a 180 °C, e lasciate cuocere per un’ora. Per capire se la ciambella è cotta potete aiutarvi con il classico sistema dello stuzzicadenti. Bucate la torta: sarà pronta non appena lo stuzzicadenti sarà asciutto. Lasciate raffreddare e, se lo desiderate, spolverate la superficie con lo zucchero a velo. Ecco a voi un’ottima colazione o merenda, leggera e adatta anche a chi non tollera il glutine.

185g icing sugar;

125g rice flour;

125g rice starch;

60g potato starch;

4 eggs;

the juice of half a lemon;

1 teaspoon of liqueur to taste (I use the cognac);

1 teaspoon baking soda

a spoonful of vanilla

Ciambella alla farina di riso/ Rice flour “ciambella”185g di burro;

preparation:

Combine the icing sugar with the eggs, adding the lemon liqueur and a teaspoon of vanilla, stir with a spoon or spatula pastry until the mixture is well blended. Stir slowly, rice flour, rice starch, potato starch and baking soda (which will help the rise.’ll Notice that the recipe does not require the use of yeast, which increases the digestibility). Add the butter and let soften at room temperature for a long knead, using a mixer (or by hand, if you have the patience to do so) until the mixture is well blended. Grease a baking sheet for classic donuts and pour the mixture leveling them for good. Put in preheated oven at 180 ° C, and simmer for an hour. To determine if the donut is cooked you can help yourself with the classic system of the toothpick. Holes in the cake: it will be ready as soon as the toothpick is dry. Let cool and, if desired, sprinkle the surface with icing sugar. Here’s a great breakfast or snack, light and suitable for those who can not tolerate gluten.

Torta al Nesquik, senza uova e burro / Nesquik cake, without eggs and butter

Nesquik Cake/Torta al Nesquik

Nesquik Cake/Torta al Nesquik

Ingredienti

  • 250g di farina per torte di buona qualità
  • 180g di zucchero,
  • 100g di Nesquik,
  • 60ml di olio di semi di mais,
  • 300g di yogurt bianco denso,
  • 1 bustina di lievito e una di vanillina.

Posizionate la farina in una terrina sufficientemente capiente; unite il lievito e la vanillina; aggiungete l’olio, lo zucchero e il NesquiK, fino ad ottenere un composto morbido e spumoso. Mettete il composto in una teglia da forno (precedentemente imburrata o rivestita con cata da forno) e lasciate cuocere a 175 gradi centigradi per 30 minuti.

Come vedete, la decorazione è un dippiù, ciò che conta davvero è la qualità del prodotto. In igni caso, potete facilmente realizzare delle forme sulla superficie della torta con zucchero a velo. Il contrasto fra il nero della torta e il bianco dello zucchero farà un figurone!

Ingredients

Nesquik Cake/Torta al Nesquik

Nesquik Cake/Torta al Nesquik

  • 250g flour for cakes of good quality
  • 180g of sugar,100g Nesquik
  • 60ml vegetable oil, corn
  • 300g plain yogurt dense
  • 1 packet of yeast and vanilla extract.

Place the flour into a bowl large enough, add the baking powder and vanilla, add the oil, sugar and Nesquik, until mixture is smooth and fluffy. Put the mixture in a baking dish (buttered or coated with catalytic oven) and bake at 175 degrees for 30 minutes.
As you can see, the decoration is an addition, what really matters is the quality of the product. In any case, you can easily make the forms on the surface of the cake with icing sugar. The contrast between the dark colour of the cake and the white sugar  will look great!