A Milano Peck e Tesori della Costa in un sodalizio all’insegna del gusto e del recupero del territorio

Vota/Rate

E’ partito il conto alla rovescia: oggi e domani, nello storico negozio di Peck a Milano, sarà possibile fare una degustazione di un prodotto di nicchia e altissima qualità: il Taggialto, olio extravergine nato dall’intuizione  di due amici, Giuseppe e Flavio, che, come diceva Erasmo da Rottherdam, hanno seguito la loro “sana e lungimirante follìa”, per perseguire un fine nobilissimo, regalando un prodotto di pregio, adatto a tutti i palati, capace di dare soddisfazione anche ai più esigenti. Naque così Taggialto, che nasconde nel nome, a nostro avviso di grande impatto, tutta la sua essenza: è prodotto con olive taggiasche d’altura (Tagg-Alto).

Tesori della Costa, così si chiama la società che lavora a questo progetto, ha avuto il merito, a nostro avviso, di credere nel recupero e nella valorizzazione di un prodotto che stava per essere dimenticato: le olive d’altura regalate dagli uliveti, poco estesi ma di ottima produzione,

Ci fermiamo qui. Ci sarebbe molto da dire ma, prima di procedere con l’approfondimento (che non mancherà, perchè dietro questo progetto c’è anche un movimento culturale che aderisce al progetto), desideriamo che siate voi stessi a degustare Taggialto da Peck questo weekend. Arrivederci a presto. Seguiteci perchè a breve avrete notizie fresche in merito. Vi faremo presto conoscere i “papà” di questo grande progetto.

La Chicorée – Lille

Vota/Rate

Abbiamo visitato La Chicorée, famoso ristorante della cittadina di Lille, a nord della Francia, al confine col Belgio, in occasione di un viaggio di lavoro. Il posto è in centro, vicinissimo a quella che i francesi chiamano Grand Place (ma che in realtà si chiama Place Charles de Gaulle). Cucina tipica belga, con le Mules e Fries a spiccare in primo piano sul menù. Molto gettonati anche i piatti di carne, sui quali abbiamo qualcosa da ridire. In particolare, abbiamo provato due piatti: il carpaccio di manzo e l’entrecote sempre di manzo. Se il primo si è dimostrato gradevole, lo stesso non può dirsi per l’èntrecote, servita quasi carbonizzata (che non sarebbe stato un problema per noi che amiamo le carni piuttosto cotte) e piena di nervi e parti da scartare. Questo sì che è stato un problema: abbiamo dovuto scartare quasi tutta la bistecca per la presenza massiccia di nervi e parti dure che l’hanno resa in parte immangiabile. Immnacabili le solite patate fritte, che abbiamo scelto di lasciare “on the side”, per non mettere troppo sotto pressione il nostro fegato. Buono il dolce, anche se non eccelso. Da una créme brulè preparata in Francia ci saremmo aspettati molto di più. Alla locanda Viscontea di Bereguardo (PV), di cui potete leggere qui la recensione, l’abbiamo trovata molto più buona. Prezzo in linea con gli altri ristoranti del centro: 70 euro per due persone, senza aver bevuto il vino, con un piatto unico e un unico dolce. Carina l’idea di far mettere a tutti i clienti un cappello di paglia con la livrea del posto (sperando che il nostro predecessore non avesse i pidocchi…)

Ristorante Casina Valadier – Roma

Vota/Rate

Quando si dice Casina Valadier non si può non pensare al lusso discreto ma molto pronunciato della Roma bene. E’ questa antica villina, progettata dall’architetto Valadier, da cui prende il nome, ad ospitare numerosi degli eventi più in della Roma che conta. Che siate in dolce compagnia o in viaggio per lavoro è sempre bello tornare alla Casina, dove vi attendono una cucina ricercata e le attenzioni, puntuali ma mai invadenti, del personale di sala. Senz’altro, il punto di forza della Casina è rappresentato dalla Terrazza (la T maiuscola è voluta e meritata) che si trova proprio alla fine del lungo corridoio di ingresso. La visuale da quest’angolo di paradiso è indescrivibile, bisogna provare. Vi dico solo che, a farla da padrona, è la cupola di San Pietro, che vi osserva mentre cenate regalandovi un’illuminazione stupenda. Stavolta, purtroppo, non c’era posto in terrazza. Allora, abbiamo scelto di provare la nuova saletta al secondo piano. Per certi versi, forse, è ancora migliore della terrazza. La vista è la stessa, se non migliore. Siete al chiuso, in un ambiente climatizzato e ben arredato con comode poltroncine grigio chiaro accostate ai tavoli rigorosamente in bianco. Veniamo al cibo: pur essendoci stato un periodo in cui, a nostro giudizio, la qualità era un po’ calata, abbiamo ritrovato, con enorme piacere, la Casina Valadier di un tempo. Tutto eccellente, dagli antipasti fino al dolce (abbiamo solo saltato i primi perchè le porzioni molto abbondanti e la nostra predilezione per i secondi ce l’hanno consigliato caldamente). La portata che abbiamo certamente gradito di più è stata la milanese di vitella. Perfetta la panatura e tenerissima la carne. Potremmo stare tutto il giorno a tessere le lodi di questo posto stupendo, d’atmosfera e di altissima qualità. Il prezzo? 178 euro, in due, per due antipasti, due seondi, due dolci e due bottiglie d’acqua. Ristorante di fascia medio alta assolutamente da considerare. Fra i migliori di Roma. Ecco come arrivarci:

Sweety of Milano: la città diventa la capitale della pasticceria

Vota/Rate

In questo post proponiamo un’interessante notizia che abbiamo ricevuto dall’amica Anna Maria Simonini. Si tratta di  Sweety of Milano, un nuovo e importante evento dedicato all’alta pasticceria, che si terrà il 19 e 20 settembre nella città meneghina. Milano diventerà, per un paio di giorni, la capitale della pasticceria! Si tratta di un evento unico nel suo genere, alla sua prima edizione, paragonabile a una grandiosa pasticceria che raccoglie tutti i pasticceri più importanti d’Italia. Sarà un’occasione unica non solo per incontrare e conoscere i grandi maestri della pasticceria, ma anche per osservarli all’opera e gustare le loro specialità. L’evento prevede infatti Pastry Shop: ogni pasticcere ha il proprio spazio espositivo, dove sarà possibile acquistare e assaggiare le sue specialità. L’acquisto dei dolci avviene attraverso un carnet composto da buoni del valore di 5€ ciascuno, da prendere all’ingresso. Masterclass: tutti i pasticceri avranno a disposizione 40 minuti durante i quali mostreranno come si prepara uno dei loro dolci. L’accesso alle masterclass è libero, fino ad esaurimento posti. A questi link potete trovare il calendario di tutte le masterclass 19 settembre > http://bit.ly/1HzJDxk 20 settembre > http://bit.ly/1LFCGS4 ll ticket di ingresso giornaliero di euro 6 (sotto i 12 anni l’ingresso è gratuito) comprende l’accesso al “Pastry Shop” e alle Masterclass. I biglietti si possono acquistare online oppure direttamente in loco il giorno stesso. Acquisto online > http://www.sweetyofmilano.com/biglietti

WOMEN FOR ITALY LANCIA UN CONTEST PER TROVARE “IL GRANDE PRANZO DELLA DOMENICA ITALIANA”

Vota/Rate

Oggi pubblichiamo molto volentieri un articolo che riguarda un’iniziativa interessante nel contesto di EXPO 2015. Leggete e lasciate i vostri commenti!

WOMEN FOR ITALY LANCIA UN CONTEST PER TROVARE

“IL GRANDE PRANZO DELLA DOMENICA ITALIANA”

Giuria eccellente e tutta al femminile per un menu da presentare ad Expo, al Padiglione Italia

Women for Italy. Nutrire il futuro è un progetto culturale indipendente che, partendo dai temi cardine di Expo, mira a contribuire alla formazione di una coscienza alimentare responsabile, con riferimento a temi forti come l’agricoltura sostenibile, il diritto al cibo, lo spreco alimentare, la sicurezza dei prodotti, il riciclo e la tutela dell’ambiente.

Il progetto pone al centro la donna: responsabile del 70% delle scelte di consumo, nella sua molteplicità di ruoli può influenzare positivamente i comportamenti sociali e farsi guida del cambiamento, per dare vita a nuovi stili di vita e a nuove forme di economia sostenibili per il futuro del pianeta.

La prima iniziativa prevede un contest online, che mira alla creazione del ‘Grande Pranzo della Domenica Italiana’, come lascito a Expo 2015. Tutti gli appassionati di cucina, donne e uomini, possono partecipare con creatività, per far riscoprire le proprie tradizioni e i propri territori di appartenenza, inviando la propria ricetta, che farà parte del menu ideale composto da quattro portate: primo, secondo, contorno, dolce.

La giuria del contest è tutta al femminile e assolutamente eccellente. Per la prima volta sono state riunite a giudicare le ricette inviate:

  • Gabriella Bugari, Presidente dell’associazione Lady Chef che raggruppa oltre mille chef professioniste su tutto il territorio italiano
  • Cristina Bowerman (Ristorante Glass, Roma)
  • Marzia Buzzanca (Ristorante Percorsi di Gusto, L’Aquila)
  • Danila Lanci (Enologa)
  • Elena Martusciello (Presidente Associazione Le Donne del Vino)
  • Aurora Mazzucchelli (Ristorante Marconi, Sasso Marconi)
  • Stefania Moroni (Ristorante Il Luogo di Aimo e Nadia, Milano)
  • Valeria Piccini (Ristorante Da Caino, Montemerano)
  • Viviana Varese (Ristorante Alice, Milano)
  • Marianna Vitale (Ristorante Sud, Quarto)

coordinate dalla giornalista ed esperta di gastronomia Roberta Schira.

 

Il contest prevede 3 fasi:

1° fase – maggio 2015: RACCOLTA RICETTE

Entro il 31 maggio tutti coloro che vogliono partecipare alla creazione del menu de ‘Il Grande Pranzo della Domenica Italiana’ possono inviare le proprie ricette tramite il sito ufficiale www.womenforitaly.com.

 

2° fase – giugno 2015: DEFINIZIONE MENU “IL GRANDE PRANZO DELLA DOMENICA ITALIANA”

La giuria selezionerà le quattro portate vincitrici (antipasto, primo, secondo e dolce) per la creazione del menu ideale della domenica italiana. Le ricette verranno valutate secondo i criteri di facilità di esecuzione, descrizione chiara e sintetica, originalità degli ingredienti o delle tecniche di esecuzione, eticità, tradizione e valore storico-territoriale. Costituiranno plus il racconto di curiosità legate agli ingredienti, l’invio di ricette anti-spreco o “di recupero”, l’utilizzo di prodotti del territorio dimenticati o da salvare.

 

3° fase – ultima settimana di giugno 2015: EVENTI PRESSO EXPO E FOUR SEASON MILANO

‘Il Grande Pranzo della Domenica Italiana’ sarà presentato ufficialmente dentro Expo nel Padiglione Italia e cucinato fuori Expo durante la serata evento GRAN PRIX che si terrà presso l’Hotel Four Seasons di Milano.

 

Considerato di grande valore divulgativo, Women for Italy. Nutrire il Futuro è sostenuto dai patrocini di MIPAAF, Expo 2015 con l’estensione a Women for Expo e Comune di Milano.

Per maggiori info consultate il sito: http://www.womenforitaly.com/it/

Seguite l’iniziativa sui canali social ufficiali

Facebook: https://www.facebook.com/womenforitaly

Twitter: https://twitter.com/Women_For_Italy